Noi Donne Home La Nostra Storia Archivio Materiali Contatti

Ricerca nell'Archivio

Numero 39 del 1970

Speciale crisi della Scuola: scuola e cultura di classe, istituti privati, tempo pieno e doposcuola, trasporti, il lavoro, i libri borghesi

Cronache e inchieste. Francia: invecchiare per le donne è un’arte difficile dice la scrittrice Françoise Sagan; Belgio: la situazione della donna nella chiesa cattolica al congresso internazionale di teologia; Giappone: nel liquido amniotico il bambino si abitua ai rumori del mondo esterno secondo due ricercatori Y. Hando e H. Ha Tori; Francia: una proposta originale prevede un anno sabbatico per le donne che lavorano; Francia: il ministro dell’educazione nazionale ha nominato una donna provveditore agli studi; Francia: proposta di detrarre la spesa della sorveglianza dei figli sulla denuncia dei redditi; Vietnam del Nord: festeggiati nella capitale nordvietnamita i grandi successi della scuola materna; America, Nord Caroline: il razzismo si accanisce anche contro i bambini neri emarginati sugli scuolabus; Roma: le lavoratrici dello jutificio Volpi di Terni in corteo a Roma per difendere il posto di lavoro; Giordania: sanguinosa repressione dell’esercito regolare di re Hussein contro la resistenza palestinese; Roma: la situazione degli affitti e dell’edilizia privata è in grave crisi; Reggio Calabria: negli scontri provocati dalla destra della democrazia cristiana e dai fascisti per la questione del Capoluogo ucciso Angelo Campanella, 43 anni, padre di sette figli e sei persone sono state ricoverate in ospedale.
SPECIALE CRISI DELLA SCUOLA
“La scuola è una bomba innescata” di Vania Chiurlotto: lo ha detto il ministro della pubblica istruzione Misasi; facciamola esplodere e organizziamoci per fare breccia nel muro di resistenze e di indifferenza che si oppongono al rinnovamento del sistema scolastico. Una scuola poco materna: il diritto allo studio inizia a tre anni con la legge 444 del 1968, ma le scuole pubbliche non bastano e ci sono le private (religiose e laiche); i problemi della scuola oggi: tempo pieno, il doposcuola, le classi differenziali; da soli si brontola, in tanti si lotta.
“Il diploma in vendita” di Silvana Santarelli: paga e sarai promosso: è la parola d’ordine delle scuole private, un altro strumento di classe che ha la vita facile perché la scuola statale lascia troppi spazi vuoti.
“Se due più due non fanno quattro” di Giuliana Dal Pozzo: nella scuola il padrone impone le sue leggi che sembrano irrevocabili come quelle matematiche, contenuti culturali, selezioni di merito, discriminazioni sociali, difficoltà di ogni genere fanno della scuola italiana una scuola di classe, negatrice dei diritti delle classi popolari che hanno bisogno di crearsi nuove leggi.
“Quant’è bella la zappa“ di Mirella Alloisio: il papà fa il contadino, la mamma e l’angelo del focolare, chi lavora è soddisfatto e non va mai dal dottore, nei libri di scuola la vita descritta è quella di cinquant’anni fa e si ignorano i conflitti sociali del nostro tempo. A Reggio Emilia un comitato dei genitori a partecipato alla scelta dei libri sui quali studieranno i loro figli.
“I padroni in tipografia“ di Rino Funari: Per i libri scolastici si spendono ogni anno 50 miliardi di lire, le case editrici sono in mano a gruppi monopolistici che impongono i prezzi e i contenuti dei volumi sui quali i ragazzi dovranno studiare.
“Tre donne dell’altra cultura“ di Adriano Paniccia: le testimonianze di Nives Gessi (parlamentare PCI), Colomba Savoia (dirigente UDI) e di Maria Bassi (dirigente sindacale) escluse dalla cultura ufficiale raccontano come la formazione culturale si possa realizzare anche al di fuori della scuola;
“Una maratona per giungere all’aula“ come fanno i bambini quando la scuola è lontana? Raramente hanno servizi pubblici gratuiti come prevede la Costituzione, il più delle volte devono compiere lunghi tragitti a piedi o pagarsi addirittura il taxi come ci racconta una lettera di una madre di Varese;
“I banchi lontani dalla fabbrica“ di Paolo Roversi e Gigliola Festa:, La scuola e il lavoro parlano due linguaggi diversi, incomunicabili, la scuola ignora tutti i problemi economici politici e sociali del mondo del lavoro; per i giovani che lasciano la scuola inserirsi nel lavoro diventa difficile: di questo hanno parlato operaie e operai della Siemens di Milano riuniti nella sede della cooperativa libera stampa.
“L’inganno della scuola facile“ la scuola italiana si trova in una grave crisi, opinione scontata. Un aspetto di questa crisi è quello della “scuola facile“ la scuola italiana non è mai uscita da questo dilemma o scuola di élite per un certo livello culturale o scuola aperta a larghe schieri giovanili ma organizzata come scuola a basso livello. Quindi di fronte alla pressione popolare di una scuola uguale per tutti si risponde con una scuola dequalificata. Un problema grave che Noi Donne ha affrontato con un dibattito e la partecipazione di Gabriele Giannantoni, Maria Corda Costa e Luigi Covatta.
“È colpa nostra se la vita aumenta” di Bruna Bellonzi: un convegno promosso dalla Lega delle Cooperative a Bologna in difesa dei consumatori contro la tesi che scarica sulle spalle dei lavoratori le cause dell’aumento dei prezzi.
Rubriche
Parliamone insieme di Giuliana Dal Pozzo, lettere delle lettrici alla direttrice
La donna nel mondo e in Italia: brevi di curiosità, cronaca e avvenimenti
Il guardafacce, Il volto della settimana: “Il caro-regina”: dedicato allo scolaretto col fiocco e il grembiule, pilastri dell’etica borghese nella scuola dei padroni che non si occupa dei diritti dei bambini figli del popolo, ”Con il fiocco di traverso”.
Racconti a puntate, /10^ “La lettera scarlatta” di Nathaniel Hawthorne
Le Ricette di Lisa Biondi: Frittata di bianchetti, trote al cartoccio, tonno i capperi, Palumbo saporito, triglie piccanti, pesce al forno.
Sette TV giorni: i programmi in tv
Il video, lo schermo di Nunzia Penelope: Il telefilm sperimentale di Ferruccio Castronuovo “Suonata al chiaro di luna”.
La pagina dei bambini, il fumetto “le vacanze di Smeraldina”.
Libri: “La signora e il management” di Christiane Collange; “Guida ai detti bolognesi ed emiliani” di Franco Cristofori; “Le piace Brahms?” di Françoise Sagan.
La salute a cura di Simona Argentieri: Perché ha la febbre? La psoriasi non è infettiva; il sonno e i pasti.
La legge a cura di Carmine Mastrella: matrimonio all’estero; Figli adulterini.
I nostri dubbi a cura dello psicologo Yorik: La terribile angoscia.
Moda: Gambe in tinta unita.
Redazionali: Cogis, Samia, Stellina, Standa
 


Foto: Speciale crisi della Scuola: scuola e cultura di classe, istituti privati, tempo pieno e doposcuola, trasporti, il lavoro, i libri borghesi
PAGINA 17


©2017 - Noi Donne - Iscrizione ROC n.6292 del 7 Settembre 2001 - P.IVA 00906821004 - Privacy Policy